Categorie in evidenza
Alternative a zoccolini e battiscopa


Scritto il 4 giugno 2018 - Da - In Decorare e fai da te - Con 7232 Visualizzazioni

Le alternative a zoccolini e battiscopa

Dopo la posa del pavimento, e prima o dopo la tinteggiatura delle pareti, normalmente segue la posa dei battiscopa, quel profilo in legno che copre l’intersezione del pavimento con la parete e li protegge da urti e sporco. Tuttavia, soprattutto nelle abitazioni con stile più moderno, in molti cercano alternative agli zoccolini, sia dal punto di vista funzionale che estetico.

Battiscopa e zoccolini: a cosa servono

A cosa servono battiscopa e zoccolini è abbastanza intuitivo: la prima funzione è quella di coprire e raccordare il pavimento, che soprattutto nel caso di quelli in legno non è mai perfettamente a filo con la muratura, con la parete verticale; il battiscopa serve anche a proteggere il muro dagli urti che lo potrebbero rovinare; serve anche da barriera antipolvere, altrimenti lo sporco si andrebbe a depositare in angoli di difficile pulitura; infine normalmente è una finitura estetica che completa il perimetro della stanza, permettendo giochi di colori che possono anche dare la sensazione di maggior ampiezza degli ambienti.

> Leggi anche: Rifare il pavimento: quanto costa il parquet al metro quadro

Le alternative agli zoccolini in legno

Il materile più usato per zoccolini e battiscopa è normalmente il legno, che è senza dubbio il più facilmente lavorabile. Ne esistono forme diverse (a spigolo vivo, a becco di civetta, col piedino arcuato o anche con differenze di spessore) e spesso architetti e arredatori giocano sullo spessore, da 1 a oltre 2 cm, e sull’altezza, che normalmente è tra i 6 e gli 8 cm ma ce può anche superare i 10 cm in alcuni particolari ambienti.

In alternativa agli zoccolini in legno, che possono essere dello stesso colore della parete o del pavimento oppure a contrasto, ce ne sono di numerosi altri materiali con cui sbizzarrirsi nelle scelte d’arredo e design o grazie ai quali trovare soluzioni alternative e funzionali per la propria casa.

> Leggi anche: Pavimento in resina: problemi, vantaggi e costi

Battiscopa in marmo e pietra

I battiscopa in marmo e pietra sono spesso utilizzati in continuità con la scelta operata per il pavimento: si tratta ovviamente di finiture di pregio oltre che di fascia alta di prezzo, e si trovano per lo più o in appartamenti signorili oppure in case rurali ristrutturate rispettando le tradizioni.

Zoccolini in ceramica

Analogamente a quelli in marmo e pietra, i battiscopa in ceramica sono scelti da chi non vuole uno stacco estetico con il pavimento. Hanno il vantaggio di poter essere lavorati e sagomati e anche in questo caso si può ottenere la sensazione di ambienti più ampi.

Zoccolini in pvc e alluminio

Gli zoccolini in pvc e alluminio sono usciti dagli ambienti industriali e dagli uffici e si stanno sempre più diffondendo anche nelle abitazioni e negli spazi residenziali, in particolare quelli più moderni. I vantaggi sono senza dubbio quelli di un costo inferiore e di una più semplice lavorazione, ma non sono gli unici: spesso i battiscopa in pvc o allumino possono anche alloggiare cavi e cablature per la domotica della casa (una soluzione pratica se non si vuole rifare l’impianto elettrico senza lavori di muratura, come spiegato qui), ce ne sono in materiali fonoassorbenti per ridurre la diffusione del rumore, analogamente agli infissi come spiegato qui, e, ultimamente, ne sono usciti anche di riscaldanti o radianti che diffondono aria calda dal basso e spesso consentendo anche un risparmio energetico, in linea con l’Ecobonus 2018.

> Leggi anche: Ristrutturazione casa: consigli per risparmiare

Tags: , , ,

Scritto da: