Categorie in evidenza
Rifare il pavimento: quanto costa il parquet al metro quadro


Scritto il 16 maggio 2018 - Da - In Guide alla ristrutturazione - Con 2742 Visualizzazioni

Rifare il pavimento: quanto costa il parquet al metro quadro

Quando si decide di ristrutturare casa spesso si pensa come prima cosa di rifare il pavimento con il parquet. Il parquet è infatti un pavimento elegante con ogni tipo di arredamento, sicuramente durevole, che dona calore agli ambienti di casa e che, in molte soluzioni, aumenta il pregio e il valore dell’appartamento. Ma prima di rimuovere il vecchio pavimento, con le piastrelle o il marmo, è bene sapere quanto costa un pavimento in parquet al metro quadro: in vendita ci sono infatti numerose soluzioni con prezzi che possono variare da poche decine di euro al metro quadro fino ad alcune centinaia di euro. Per scegliere la soluzione più adatta al proprio appartamento è quindi importante saper riconoscere i diversi tipi di parquet, farsi un’idea del prezzo delle diverse essenze di legno e tenere in considerazione anche i costi per la posa in opera del pavimento.

> Leggi anche: Pavimento in resina: problemi, vantaggi e costi

Quali pavimenti in parquet ci sono in vendita

La prima distinzione da fare e da capire è quella tra pavimenti in parquet massello, o massiccio, e parquet lamellare. Il parquet massello è ottenuto dal legno vivo, tagliato in liste, ripulite e trattate il minimo possibile per non compromettere l’effetto naturale. Si tratta di un pavimento di sicuro pregio ed estremamente durevole che, nelle diverse essenze, può adattarsi a ogni ambiente e stile d’arredo.

Il parquet in legno massello si suddivide ulteriormente in parquet di prima scelta, con colori uniformi, tendenzialmente più chiari a parità di essenze del legno, senza nodì né imperfezioni e fibratura dritta e regolare, e parquet massello standard, con colore meno uniforme, presenza di nodature del legno e in generale una minore uniformità.

Il parquet massello di prima scelta costa ovviamente più di quello standard ma solo per una questione estetica: entrambi i tipi di parquet assicurano infatti uguale durata e resistenza all’uso.

C’è poi il parquet lamellare che è ottenuto dagli scarti di lavorazione del legno, spesso riutilizzando le veline tolte per ottenere il parquet di prima scelta: alla vista appare meno rustico e naturale e normalmente più lucido. Il parquet lamellare costa decisamente meno rispetto a quello massello ma è ugualmente in grado di restituire un’immagine calda ed elegante dell’appartamento.

> Leggi anche: Pavimento da ristrutturare: quale legno scegliere per il parquet

Che tipo di legno scegliere per il pavimento in parquet

Una volta valutata la distinzione tra parquet massello e lamellare, occorre scegliere il tipo di legno, o essenza, da usare per il pavimento in parquet. Se si vuole un parquet chiaro e luminoso occorre scegliere essenze e legnami come acero, frassino, faggio e larice; per un pavimento in parquet dalle sfumature calde occorre indirizzarsi su un tipo di legno come ciliegio, doussiè, padauk o acacia; infine per un parquet scuro, tendente al bruno naturale della corteccia degli alberi, servono legni di noce, quercia, rovere o teak.

> Leggi anche: Come pulire il parquet e far durare a lungo il pavimento in legno

I formati dei pavimenti in parquet

Altra scelta da fare è quella dei formati dei pavimenti in legno. Il parquet tradizionale è infatti disponibile in 4 formati diversi tra loro:

  • Listone: con lunghezze e spessori variabili;
  • Tavolette di legno: da 4 a 6 cm di larghezza, spessore 10 mm.;
  • Listoncini di legno: da 6 a 8 cm di larghezza, spessore 14 mm.;
  • Listoni di legno: da 6 a 9 cm di larghezza, spessore 22 mm.

Quanto costa il parquet al metro quadro per sostituire il pavimento

Alla fine, considerando la qualità del legno, tra massello prima scelta o standard e lamellare, il tipo di legname in base alla colorazione e all’effetto desiderato, e non ultimo i formati disponibili tra listoni, listoncini e tavolette, quanto costa il parquet al metro quadro per sostituire il pavimento?

Per calcolare il prezzo del parquet al metro quadro occorre tener conto anche del costo della posa in opera che, mediamente, oscilla tra i 25 e i 35 euro al metro quadro, escluse ovviamente lavorazioni particolari che farebbero aumentare il costo. A questa cifra occorre ovviamente sommare il costo dell’acquisto del parquet che, per un legno di qualità media come il rovere, è tra i 40 e i 50 euro al metro quadro. Quindi per 100 metri quadri di parquet in rovere, comprensivo di manodopera, occorre una spesa tra 6500 e gli 8500 euro a cui aggiungere l’IVA, al 10% nel caso sia compresa la messa in posa, al 22% per il solo acquisto del materiale, come spiegato qui.

Se si vuole risparmiare sul costo del parquet si può scegliere un parquet prefinito lamellare, considerando circa 20 euro al metro quadro per legnami come rovere, acero, frassino o faggio, a cui aggiungere la messa in opera. Per i soliti 100 metri quadri la spesa quindi potrebbe oscillare tra i 4500 e i 5500 euro a cui aggiungere l’IVA, sempre del 10% se prevista la manodopera, del 22% per il solo acquisto del materiale.

> Leggi anche: Si possono detrarre le spese per il rifacimento del pavimento?

Tags: , ,

Scritto da: