Categorie in evidenza
Come scegliere le piastrelle per il bagno


Scritto il 1 ottobre 2020 - Da - In Guide alla ristrutturazione - Con 101 Visualizzazioni

Guida alle scelta delle piastrelle per il bagno

Anche il bagno vuole la sua parte: questa stanza della casa, spesso trascurata, è davvero fondamentale per il benessere domestico. Uno spazio dove rigenerarsi e trovare nuove energie attraverso la cura di sé e del proprio corpo.

Per questo il bagno merita la stessa attenzione dedicata al soggiorno o alla cucina, a partire dalla scelta delle piastrelle da usare per pavimenti e rivestimenti. In questa guida troverai alcuni suggerimenti per scegliere le piastrelle più adatte al tuo bagno, secondo le tendenze di interior design più in voga.

Come scegliere le piastrelle per il bagno

Partiamo da alcune considerazioni generali. Nella progettazione di un bagno dovremmo utilizzare un massimo di tre piastrelle di diverse tipologie: una per il pavimento, una per le pareti e una per i dettagli. Tre è il numero dell’armonia, mentre un numero maggiore potrebbe generare caos visivo e incrinare l’equilibrio dell’ambiente.

Anche i fattori che devi tenere presenti nella scelta delle piastrelle per il bagno sono tre: resistenza, scivolosità e facilità di pulizia. Trovare pavimenti e rivestimenti che rispondono a questi requisiti non è difficile: anzi, il settore piastrelle si rinnova continuamente. Ceramica e gres porcellanato sono le scelte più popolari per contrastare il rischio umidità, ma anche i rivestimenti in pietra naturale e il legno (con parquet opportunamente trattati) sono opzioni praticabili.

Un’altra regola generale vale per i colori. È preferibile optare per colori chiari se il bagno è piccolo, mentre possiamo usare tonalità più scure per un bagno più grande, con un’illuminazione studiata per valorizzare al massimo il risultato finale.

Piastrelle effetto legno

Chi non se la sente di ricorrere al parquet potrà scegliere per il bagno piastrelle effetto legno, sia per il pavimento che per il rivestimento. Colori e texture si arricchiscono di continuo, contribuendo alla popolarità di questo effetto. Non sarà vero legno, ma la sensazione di comfort e di calore ne usciranno rafforzate.

effetto legno

Piastrelle effetto pietra

Anche le piastrelle effetto pietra sono molto amate, in particolare quelle di largo formato, che tendono a minimizzare le fughe. Questo tipo di rivestimento contribuisce a dare un aspetto materico alle pareti, ma va dosato opportunamente per evitare un risultato troppo pesante.

effetto pietra

Piastrelle effetto marmo

Nessun rivestimento come l’effetto marmo dona preziosità ed eleganza a un bagno. La bellezza classica di questo materiale è imitata in modo eccellente dalle diverse tipologie di gres effetto travertino, calacatta, ecc. Attenzione però ai bagni piccoli: troppa lussuosità potrebbe essere opprimente.

effetto marmo

Piastrelle effetto cemento

Se ami lo stile contemporaneo e industriale, le piastrelle effetto cemento sono sicuramente la scelta giusta. Si tratta di un rivestimento versatile, una tela bianca da riempire con il tuo capolavoro. L’unico rischio è quello di un risultato un po’ piatto, se non valorizzato con un arredo bagno all’altezza.

effetto cemento

Piastrelle geometriche o floreali

Rivestire il bagno di motivi cangianti e contrasti di colore è certamente una delle ultime tendenze. Può trattarsi di piastrelle con decoro geometrico oppure floreale, in scala di grigi o in toni vivaci. L’effetto finale sarà energetico e rivitalizzante, ma attenzione: alla lunga può stancare.

decoro floreale

Piastrelle colorate

In questa categoria inseriamo i rivestimenti in tinta unita, che oggi offrono una palette di colori pressoché illimitata. In particolare, le piastrelle colorate con finitura lucida hanno il potere di ravvivare e far brillare l’ambiente. La scelta del colore ovviamente è personale, ma nel 2020 i toni dell’azzurro (sulla scia del Classic Blue di Pantone) vanno per la maggiore.

colorate

Piastrelle effetto cementine

Fascino retrò, colori caldi, atmosfere mediterranee: le piastrelle simil-cementine riescono a trasportare il tuo bagno in un mood di perpetua vacanza. Basta guardare questo rivestimento ispirato agli azulejos portoghesi.

cementine

Piastrelle effetto 3D

Non solo superfici lisce: nel mondo delle piastrelle si sono affacciate texture insolite ed innovative, con motivi in rilievo che donano dinamicità alle pareti. L’unica pecca è la difficoltà di pulizia, un rischio da mettere in conto quando si gioca su tre dimensioni.

effetto 3D

Insomma, si fa presto a dire piastrelle, ma l’offerta è così vasta che spesso scegliere non è affatto semplice. Speriamo di averti aiutato a chiarire un po’ le idee. Sfoglia i cataloghi di arredo, visita i negozi specializzati e lasciati ispirare per dar vita al tuo bagno da sogno.

Scritto da: