Categorie in evidenza
migliore esposizione della casa


Scritto il 13 maggio 2020 - Da - In Guide alla ristrutturazione - Con 1783 Visualizzazioni

Esposizione della casa a nord, sud, est, ovest: qual è quella giusta?

Che tu stia pensando di comprare una nuova casa o di rinnovare la tua, uno degli aspetti più importanti da valutare è la sua corretta esposizione solare. Meglio una casa esposta a sud o e ovest? Come risolvere i problemi di una casa esposta a nord? In questa guida cercheremo di rispondere a ogni domanda e di aiutarti a valutare le migliori soluzioni per ogni stanza.

Prima di tutto vogliamo sottolineare che l’orientamento della casa rispetto al percorso del sole incide su due aspetti fondamentali:

  1. Una corretta esposizione solare consente di risparmiare sui costi di illuminazione e di riscaldamento degli ambienti in ogni stagione
  2. Sfruttare i diversi ambienti della casa in funzione del loro orientamento permette di godere più a lungo della luce naturale, aumentando il comfort e il benessere psicofisico dei suoi abitanti.

Qual è l’orientamento ideale per una casa?

Per gli edifici destinati a uso residenziale l’orientamento da preferire è quello est-ovest, con i lati maggiori esposti a nord e a sud. In generale, l’esposizione ottimale per un’abitazione è verso sud: in questo modo nelle stagioni più calde è possibile ricevere le radiazioni solari sulla casa ad angolo acuto e gli ambienti saranno riscaldati in modo piacevole. Al contrario, un orientamento verso ovest rischierebbe di surriscaldare troppo la casa.

Ma vediamo nel dettaglio vantaggi e svantaggi di ogni orientamento e come risolvere i principali problemi da cattiva esposizione solare.

Esposizione casa a nord

Gli ambienti orientati a nord sono quelli meno riscaldati, esposti a venti freddi e scarsamente luminosi in inverno. All’interno dei locali l’illuminazione naturale è uniforme e per sfruttarla al massimo occorrono finestre ampie.

In assenza di queste, consigliamo di riservare questo lato della casa a locali di servizio quali lavanderia, guardaroba, ripostiglio, dispensa o corridoio, che hanno bisogno di meno riscaldamento e illuminazione.

casa esposta a nord

Esposizione casa a est

L’esposizione a est è ideale per la zona notte, per la camera da letto degli ospiti, lo studio o la cucina. Questi ambienti sono molto illuminati nelle prime ore del giorno e godono di buon ricambio d’aria, favorendo il comfort e il risveglio. Negli ambienti orientati a est è meglio optare per infissi orizzontali.

casa esposta a est

Esposizione casa a sud

Come dicevamo, l’esposizione è sud consente di avere ottime condizioni di illuminazione e riscaldamento sia in estate che in inverno.  Quindi questo lato della casa dovrebbe essere destinato agli ambienti in cui si trascorrono molte ore del giorno, come soggiorno, cucina, studio e stanza dei giochi.

casa esposta a sud

Esposizione casa a ovest

Con l’esposizione a ovest, la casa riceve il sole nelle ore più calde del giorno, dal primo pomeriggio al tramonto. Questo può essere un vantaggio in inverno, mentre risulta controproducente in estate, quando gli ambienti rischiano di surriscaldarsi. È perciò importante agire sul sistema di oscuramento di queste stanze attraverso tende, veneziane e tendine schermasole.

In generale, quest’area è adatta ad ambienti dedicati al relax, come soggiorno e studio, ed è la zona più indicata della casa per coltivare un angolo verde.

casa esposta a ovest

Stabilire la posizione della casa rispetto al percorso del sole ci permette di distribuire gli ambienti in modo ottimale, contribuendo al risparmio energetico e al nostro benessere. Sfrutta le informazioni contenute in questa guida per valutare l’orientamento della tua casa e valorizzarlo al meglio.

Scritto da: