Categorie in evidenza
Piante da appartamento, quali scegliere e come curarle


Scritto il 16 maggio 2019 - Da - In Arredare, Giardini e terrazzi - Con 490 Visualizzazioni

Piante da appartamento: quali scegliere e come curarle

Chi di noi non sogna una casa più verde e ariosa, in cui pezzi d’arredamento ben scelti possano dialogare armoniosamente con la natura? È la magia delle piante da appartamento, che sanno restituire vitalità e benessere a qualsiasi abitazione. Scopriamo quali scegliere e come coltivarle in casa per renderla ancora più bella.

Come scegliere le piante da appartamento

Anche se non si dispone di un grande giardino o di uno spazio esterno per ospitare piante e fiori, ogni casa dovrebbe avere il suo angolo verde dedicato. Questo è possibile grazie alle piante da interno, specifiche tipologie in grado di resistere a condizioni di scarsa illuminazione e umidità.

Le piante da appartamento rendono gli ambienti domestici più accoglienti e possono valorizzarli andando a riempire gli spazi vuoti, con la stessa funzione di complementi d’arredo. Aiutano inoltre a purificare l’aria in modo naturale, con grandi benefici per la salute.

Non ultimo, dedicarsi al giardinaggio contribuisce a ridurre i livelli di stress e di ansia: una pausa dalla frenesia del lavoro e della vita quotidiana che fa bene al corpo e allo spirito.

piante da interno

I fattori da valutare per scegliere una pianta

Nella scelta delle piante da interno, sono molti i fattori che vanno considerati. In primo luogo, è necessario partire dalla valutazione della propria esperienza in materia.

Per chi è ai suoi primi esperimenti green, il consiglio è di orientarsi su piante resistenti e facili da tenere. Meglio mettere gradualmente alla prova le proprie capacità e scoprire se si ha o no il pollice verde, prima di mietere vittime innocenti.

Oltre al fattore esperienza, è essenziale valutare attentamente le condizioni di illuminazione, temperatura e umidità degli ambienti destinati a ospitare le nostre piante e fiori.

Quando si visita un vivaio, è difficile resistere all’impulso di portare a casa con noi l’esemplare più spettacolare e profumato. Questa comprensibile tentazione è tuttavia da evitare: prima di acquistare una nuova pianta, occorre infatti documentarsi sulle condizioni ideali per coltivarla, in modo da capire se è adatta al nostro appartamento o meno.

La luce è senz’altro l’elemento determinante in base al quale orientare le nostre scelte. In una casa ben illuminata, si può optare anche per piante fiorite come orchidee e begonie, mentre le sempreverdi senza fioritura si adatteranno meglio alla penombra. Per questo, bisogna scegliere una pianta in base all’illuminazione a cui è destinata.

Non deve sorprendere il fatto che molte piante da interno hanno origine tropicale. Nelle foreste pluviali, infatti, la parte più vicina al suolo rimane in ombra, coperta dagli alberi più alti, e trattiene molta umidità, condizioni che in qualche modo ricordano quelle di una casa.

Un altro elemento da considerare nella scelta è la presenza di animali in casa: alcune piante infatti, per quanto innocue per gli esseri umani, possono essere tossiche per i nostri amici a quattro zampe.

Un’ultima considerazione va fatta in merito al tempo da dedicare alla cura delle piante in casa: per chi è spesso fuori casa, la scelta ideale è rappresentata dalle piante grasse, ultimamente di grande tendenza.

piante da interno

Come curare le piante da appartamento

Alcune piante da appartamento necessitano di altrettante cure e attenzioni di quelle da esterno. Vediamo quali sono i principali accorgimenti da adottare.

Innanzitutto, l’illuminazione non deve mai essere diretta: l’ideale è posizionare le piante in prossimità di una finestra, con la luce filtrata dai tendaggi. 

In secondo luogo, occorre evitare di tenere le piante vicino a sorgenti di calore. Le piante da interno hanno bisogno di un quantitativo d’acqua minore di quelle da esterno: prima di passare all’innaffiatura, una buona idea è tastare il terreno con la mano per valutare la quantità necessaria.

Le foglie andrebbero pulite con un panno umido almeno una volta al mese: un gesto che serve per far traspirare la pianta e tenere lontani i parassiti. Foglie secche, rami morti e fiori appassiti vanno prontamente eliminati.

Per stimolare la crescita delle foglie e del fusto, conviene utilizzare un concime ad alta percentuale di azoto nei periodi di fioritura e riscrescita della pianta, ovvero da marzo a fine settembre. In commercio esistono concimi liquidi da mescolare all’acqua: una soluzione molto pratica.

Infine, un consiglio che arriva dall’Oriente: secondo l’antica arte cinese Feng Shui, la disposizione delle piante in casa è fondamentale per circondarsi di energie positive. Ecco il posizionamento energetico perfetto:

  • le piante con fiori devono essere disposte vicino all’ingresso;
  • le piante sempreverdi devono essere posizionate negli angoli o a copertura di mobili ad angolo, elementi che portano negatività;
  • in camera da letto preferire una felce oppure la lavanda;
  • il salotto è adatto a ospitare piante rampicanti, meglio se appese al soffitto;
  • il bagno è il luogo ideale per ospitare le orchidee.

piante da interno

Quali piante da appartamento scegliere

Veniamo ora alle tipologie di piante da appartamento più versatili e resistenti.

Piante da appartamento con fiori

Le piante fiorite da appartamento portano in casa un tocco di colore e vivacità. Ecco le scelte migliori:

  • Orchidea, questa pianta tropicale ha bisogno di molta luce filtrata da tende, acqua una volta la settimana e temperature non inferiori a 16/18° in inverno
  • Begonia, non richiede molte cure, ma ottima esposizione alla luce e temperature tra i 15 e i 18°
  • Spatifillo, i bei fiori bianchi e le foglie lucide e appuntite lo rendono bello da vedere, la temperatura ideale è di 21° e un terreno sempre umido
  • Violetta africana, piccola ma molto decorativa, è adatta a un ambiente umido e molto luminoso
  • Bromelia, meglio conosciuta come “ananas da salotto” per il suo grande fiore centrale rosso o arancio.

orchidee

Piante facili da tenere: le piante grasse

Di grande tendenza e facilissime da gestire, le piante grasse fanno bella mostra di sé in ogni casa. Alcuni consigli:

  • Echeveria, la classica pianta grassa da interno, piccola e molto resistente con fiorellini gialli in estate
  • Sedum Burrito, forse la più bella pianta grassa da interno, adatta a realizzare sorprendenti composizioni
  • Cactus di Natale, pianta grassa molto decorativa, fiorisce in autunno e mantiene la fioritura per diverse settimane
  • Cactus Zebra, appartiene alla famiglia delle Aloe, con foglie carnose a triangolo striate di bianco
  • Sansevieria, pianta molto adattabile e facile da coltivare in casa, con foglie strisciate e acuminate che si sviluppano in altezza
  • Aloe, rigogliosa tutto l’anno, ama le temperature tra i 20 e i 30° e ambienti soleggiati.

piante grasse

Piante sempreverdi da appartamento

Per chi cerca una casa verde tutto l’anno, queste piante sempreverdi sono perfette:

  • Kentia, piccola palma che si sviluppa in altezza, resistente e adatta anche ad ambienti bui
  • Pothos, rampicante di origine tropicale, può essere posizionato su un mobile e lasciato crescere a cascata
  • Dracena, detta anche “tronchetto della felicità”, è un palmizio di facile coltivazione
  • Zamioculcas, appartiene alla famiglia delle succulente ed è la pianta perfetta per chi non ha il pollice verde, perché va bagnata solo una o due volte al mese.

kentia

Piante da appartamento resistenti

E chi non ha il pollice verde? Ecco due piante molto resistenti e di facile gestione.

  • Ficus Benjamin, pianta decorativa per appartamento con foglie verdi e lucide
  • Filodendro, originaria delle regioni tropicali del sud America, è una pianta resistente adatta a climi umidi.

Tenendo a mente queste divisioni, scegliere le piante da appartamento più adatte alle proprie necessità è semplice e veloce. Pronti per riempire la casa di verde?

Tags: , ,

Scritto da: