Categorie in evidenza
Come costruire e arredare una veranda


Scritto il 9 maggio 2019 - Da - In Arredare, Giardini e terrazzi - Con 229 Visualizzazioni

Come costruire e arredare una veranda

Per molti la veranda è un sogno, per altri un’oasi di pace dove godere del sole e delle belle giornate, leggere un libro o trascorrere del tempo con i propri ospiti. Questo spazio si presta a essere realizzato in una villa, in una casa unifamiliare, ma anche in un appartamento al piano terra.

Come progettare e arredare una veranda per la casa? Ecco le cose da tenere a mente.

Guida alla veranda per la casa

Per veranda si intende una costruzione addossata a una parete esterna della casa e montata su una struttura di appoggio detta fondazione. In genere, è costituita da due o tre pareti e da una superficie di copertura e può essere completamente o parzialmente vetrata.

Costruire una veranda: i permessi necessari

Quali permessi servono per costruire una veranda? Proiettare la casa verso l’esterno, come in questo caso, è un’operazione che comporta l’impiego di cubatura.

verande

La costruzione di una veranda rappresenta pertanto un ampliamento di volume, per il quale è necessaria una pratica edilizia firmata da un tecnico abilitato, come un Permesso a Costruire. È inoltre richiesto il pagamento al Comune di un contributo variabile a seconda delle tabelle locali.

Veranda: quali tipologie e materiali scegliere

Costruire una veranda richiede un’attenta considerazione dei materiali da impiegare, ognuno con i suoi pro e contro. Tuttavia, spesso le verande hanno strutture portanti miste, risultato della combinazione di diversi materiali.

Veranda in legno

La veranda in legno è forse la tipologia più ambita, per il suo impatto estetico e l’atmosfera calda e country chic. Come materiale, il legno è estremamente personalizzabile per quanto riguarda forme e colorazioni e può essere rivestito esternamente in cartongesso, per simulare l’intonaco delle pareti di casa. Un altro vantaggio del legno è l’ottima coibentazione termica e acustica.

Lo svantaggio maggiore è invece rappresentato dall’alto costo dell’installazione e della manutenzione periodica necessaria.

Il legno può essere impiegato per realizzare anche la sola copertura, in modo da conferire maggiore calore a una struttura di altro materiale.

verande in legno

Veranda in Pvc

Costruire una veranda in Pvc consente un’ottima coibentazione termica a costi contenuti, solidità della struttura e rapidità d’installazione.

Dall’altra parte, il Pvc presenta un’estetica poco accattivante e bassa resistenza agli agenti atmosferici, che col tempo possono alterare il colore e le superfici esterne della struttura. Altro aspetto da considerare è l’alto costo di smaltimento del Pvc a fine vita, insieme alla sua dubbia sostenibilità ambientale.

Veranda in alluminio

Una veranda in alluminio anodizzato è bella da vedere, facilmente personalizzabile con diverse tonalità di colore e molto resistente agli agenti atmosferici, in quanto il procedimento utilizzato per imprimere il colore consente di mantenerne l’aspetto inalterato senza necessità di manutenzione.

Altri vantaggi sono la sua rapidità di installazione, che non richiede una fondazione vera e propria, e il costo contenuto rispetto alle strutture in legno, Pvc e muratura.

I lati negativi dell’alluminio sono invece la sua scarsa coibentazione e la conseguente formazione di condensa in situazioni climatiche di caldo o freddo estremi.

verande in alluminio

Veranda in muratura

Costruire una veranda in muratura consente di montarvi un tetto pesante e ben coibentato che rende questo spazio abitabile come il resto della casa.

Nondimeno, va considerato che una struttura in muratura necessita degli stessi permessi e autorizzazioni delle nuove costruzioni, inclusa la pratica al Genio Civile.

Veranda in vetro

Una veranda in vetro, sia esso utilizzato solo per la copertura o anche per le pareti, conferisce alla struttura l’aspetto di una serra o di un romantico giardino d’inverno.

L’ideale è optare per una soluzione in vetro scorrevole, che permetta di chiudere o aprire l’ambiente a piacimento.

Per le vetrature del tetto e del parapetto, la legge impone l’utilizzo di vetro accoppiato di sicurezza, per garantirne la tenuta contro le forti sollecitazioni esterne da parte degli agenti atmosferici. In caso di rottura, questo tipo di vetro tende infatti a frantumarsi in piccole schegge smussate che diminuiscono il rischio di infortuni.

verande in vetro

Quale pavimento scegliere

Per quanto riguarda la pavimentazione della veranda, la scelta dei materiali dipende dalla destinazione d’uso del locale. In generale si tende a mantenere la pavimentazione esterna della casa, per sottolineare la proiezione della veranda verso il giardino e lo spazio circostante.

Tuttavia, si può preferire un prolungamento del pavimento interno o addirittura un rivestimento completamente diverso, per esempio un parquet con legno di recupero.

Come arredare la veranda

Veniamo ora alla parte più creativa: l’arredamento della nuova veranda. Ecco quali accorgimenti possiamo adottare per trasformarla in uno spazio intimo e accogliente, in cui rilassarsi e ricaricare le energie:

    • Divani e poltrone in vimini, insieme a tavolini bassi, possono creare un’interessante zona living dove intrattenere gli ospiti o dedicarsi alle proprie passioni.
    • Cuscini e tessuti colorati danno un tocco di vivacità e di calore.
    • Se le pareti sono di vetro, tende di colori chiari serviranno come riparo contro la luce diretta del sole e conferiranno eleganza all’ambiente.
    • Oggetti in legno di tonalità chiare richiamano la natura e si prestano bene ad arredare la veranda.
    • Nella bella stagione, un grande tavolo in legno rustico servirà ad accogliere gli ospiti come una seconda sala da pranzo.
    • O, perché no, una cucina. La luminosità dello spazio renderebbe molto piacevole passare del tempo ai fornelli, una tendenza che si sta già affermando nel mondo anglosassone.

cucina a vista

  • Per quanto riguarda l’illuminazione, esistono diverse soluzioni da considerare. Se si tratta di una struttura in muratura, è possibile installare lampadari o faretti sul soffitto; in caso contrario, si può optare per lampade da parete o da terra, magari di design.
  • Piante e fiori trasformeranno lo spazio in una piccola serra o un suggestivo giardino d’inverno, su cui modulare il resto dell’arredamento.
  • Per accentuare il carattere rustico dell’ambiente si possono scegliere mobili e arredi vintage.
  • A quale stile ispirarsi per l’arredamento? Lo stile Jungle, lo stile coloniale, il Boho Chic e lo Shabby Chic si prestano bene per dare allo spazio una forte personalità.

Con queste indicazioni, la veranda può davvero trasformarsi nell’angolo preferito della casa, dove trascorrere ore di delizioso relax. Perché non iniziare a progettarla per la bella stagione?

Tags: , ,

Scritto da: