Categorie in evidenza
Arredare con mobili usati


Scritto il 17 aprile 2019 - Da - In Arredare - Con 106 Visualizzazioni

Mobili usati: come utilizzarli per arredare la casa

Arredare la casa in modo ecosostenibile e low cost è possibile: i mobili usati sono una vera ricchezza quando si decide di ammobiliare uno spazio da zero. Come usarli, dove acquistarli e quali tipologie di mobili scegliere? Ecco una pratica guida.

Come arredare la casa con i mobili usati

Scegliere mobili usati per l’arredamento è particolarmente indicato per gli amanti dello stile shabby chic e per chi desidera circondarsi di begli oggetti senza spendere una fortuna.

Che si tratti di arredi evergreen come una poltrona in pelle o di semplici sedie di legno ridipinte, la massima da tenere a mente è una: selezionare solo pochi pezzi, senza esagerare, e accostare antico e moderno per una sovrapposizione di stili vivace ma armonica.

Ogni mobile usato conserva tracce della sua storia passata: a prima vista può sembrare un oggetto anonimo e dimenticato, ma con una mano di restauro e una scintilla di creatività può tornare a nuova vita e avere altre storie da raccontare.

Dove comprare mobili usati

Il primo posto dove cercare mobili usati sono sicuramente cantine e soffitte dei nostri parenti, amici e conoscenti. Chi può dire cosa si nasconda sotto il grande telo polveroso nell’angolo? Potrebbe essere una vecchia credenza perfetta per la cucina.

Un’altra risorsa sono i mercatini dell’usato e le fiere antiquarie organizzati quasi in tutte le città d’Italia. Può trattarsi di appuntamenti settimanali, mensili o di manifestazioni dedicate.

Da non sottovalutare anche siti web come Subito.it, Kijiji, Bakeka, eBay o gruppi Facebook per lo scambio e la vendita tra privati. A ogni modo, l’acquisto di persona è preferibile per valutare attentamente le condizioni del mobile scelto.

Mobili usati: quali scegliere per l’arredamento

Quali mobili usati e complementi d’arredo è meglio acquistare per la propria casa? Ecco alcuni pezzi unici per dare ai diversi ambienti uno stile inconfondibile.

Poltrona in pelle

La poltrona club in pelle dona a ogni spazio un carattere grintoso. Più i braccioli sono consumati e lo schienale scolorito, più l’effetto vintage è assicurato: in abbinamento a una grande libreria, crea un’atmosfera di salotto da scrittore.

poltrona vintage

Sedie

Entrando nel negozio di un rigattiere, può capitare di gettare l’occhio su una catasta di sedie di diverse fogge e tipologie. Non bisogna distogliere lo sguardo, anzi: utilizzare molte sedie diverse, magari ridipinte di colori brillanti, può dare vivacità e allegria alla cucina.

sedie usate

Tavolo

Un tavolo di legno antico è il sogno di molti. I suoi difetti e imperfezioni lo rendono ancora più interessante e un buon restauro è in grado di tirarne fuori tutto il carattere.

tavolo antico

Armadi e mobiletti

A prima vista non suscitano alcuna emozione: stiamo parlando di vecchi armadi scrostati o di mobiletti usciti dal salotto dei nonni. Arredi sottovalutati che con un buon decapaggio o accostamenti inediti possono invece trovare una seconda vita.

Specchi

Tra i complementi d’arredo, i vecchi specchi hanno un fascino innegabile. Le spesse cornici possono essere ridipinte di bianco per un aspetto più moderno e accattivante. L’accostamento di specchi di diverse forme e dimensioni può abbellire la parete di un salotto, di una camera da letto o anche del bagno.

specchi antichi

Valige e bauli

Anche oggetti apparentemente lontani dall’arredamento come valigie e bauli possono all’occorrenza trasformarsi in originali mobili vintage. Per esempio una vecchia valigia, montata su un supporto di metallo, può diventare un tavolino o un comò.

valigie usate

Ma l’immaginazione si può spingere ancora più avanti e utilizzare parti di valigie come mensole per oggetti. Un’atmosfera perfetta per la casa di chi ama viaggiare.

valigie usate

Quando si tratta di scegliere un mobile usato, bisogna lasciarsi guidare da un pizzico di istinto: essere pronti a catturare la storia di un oggetto dimenticato e dargliene un’altra da raccontare.

Tags: ,

Scritto da: