Categorie in evidenza


Scritto il 14 febbraio 2018 - Da - In Eventi e Fiere - Con 1027 Visualizzazioni

999. Una collezione di domande sull’abitare contemporaneo in mostra alla Triennale di Milano

Dal 12 gennaio al 4 aprile 2018, la Triennale di Milano ospita l’esposizione 999. Una collezione di domande sull’abitare contemporaneo, progetto curato da Stefano Mirti in collaborazione con oltre 50 co- curatori.

Il progetto ha come obiettivo quello stimolare una riflessione sul significato di “abitare “e su cosa rappresentano la casa e l’ambiente domestico in un’epoca di trasformazioni tecnologiche, sociali ed economiche.

domandeabitarecontemporaneo

Il percorso espositivo accoglie il visitatore in una stanza buia, illuminata solo da piccoli schermi dove scorrono, contemporaneamente, più domande sulle quali il soggetto è invitato ad interrogarsi per riflettere sulla propria personale declinazione dell’idea di abitare.

Si spazia da tematiche tradizionali ad altre più innovative legate alla trasformazione della casa nell’era della rivoluzione digitale e dei social media.

Ecco alcune delle 999 domande:

  • Tu ce l’hai una casa?
  • Con chi scambieresti casa tua?
  • Tu usi il copridivano?
  • Sono le persone che prendono l’odore della casa o è la casa che prende l’odore delle persone?
  • Tu usi Amazon Prime?
  • Come sarebbe una casa senza energia?

Nella stanza successiva il visitatore si ritrova in un vero e proprio laboratorio creativo dove sono esposti tantissimi progetti che pongono l’accento sui diversi aspetti del modo di vivere contemporaneo.

lampade

workshop

La Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) presenta “Abitare Pop. Abitare, voce del verbo popolare “e, prendendo spunto dalla realtà delle case popolari, mette in scena un palinsesto di situazioni sul tema dell’abitare “popolare “.

I progetti di “Shared House Co-dividuale”, invece,  si prefiggono l’obiettivo di rivedere l’esperienza di coabitazione, proponendo nuove forme di comunità trasversali nell’era della sharing economy. Si tratta di soluzioni abitative post- individualistiche dove i coinquilini, oltre alla loro stanza, dispongono di spazi comuni dove sperimentare insieme le più diverse attività, dal farming urbano alla creazione di una startup.

E cosa ne dite invece di ” coabitare” con una pianta? Robonica è  una piccola serra smart per la coltivazione a Km0 grazie alla quale è possibile coltivare un’ampia varietà di specie con semi 100% naturali.

robonica

Camminare all’interno di un tunnel sensoriale vi farà capire l’importanza di vivere in un ambiente dotato della corretta acustica e scoprire l’esistenza di fibre fonoassorbenti che rappresentano una soluzione facile, versatile per attutire ogni rumore.

tunnelfonoassorbente

E se la casa non fosse progettata solo per coloro che vi abitano ma anche per “altri abitanti”? Questo interrogativo ci porta indietro nei secoli e ci fa riscoprire il “culto dei lari”, credenza molto radicata nella cultura del sud- est asiatico. Secondo questa antica credenza, qualunque luogo venga scelto per vivere è già popolato da altre “entità” che vi abitano da molto prima e quindi, oltre alla nostra casa è necessario costruirne una anche per loro.

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione sui quali si articola il percorso di 999. Una collezione di domande sull’abitare contemporaneo, dove il pubblico viene totalmente coinvolto attraverso ambientazioni fisiche, digitali e social. Andate a visitarla entro il 4 aprile alla Triennale di Milano!

Tags: , , , ,

Scritto da: