Categorie in evidenza
Sistemi antifurto casa con controllo da remoto


Scritto il 13 settembre 2018 - Da - In Guide alla ristrutturazione - Con 129 Visualizzazioni

Sistemi antifurto casa con controllo da remoto

I sistemi antifurto casa con controllo remoto fanno parte dei cosiddetti sistemi di sicurezza attiva che, come gli allarmi sonori e i sistemi di videosorveglianza, mettono in atto azioni e situazioni tali da complicare o dissuadere l’intrusione in casa o il furto. Come abbiamo spiegato qui, la sicurezza totale non può purtroppo esistere, ma un sistema misto attivo e passivo, dove per sistemi di sicurezza passivi si intendono inferriate, porte blindate e ogni altro dispositivo che costituisce una barriera fisica, è quello che garantisce gli standard più alti di sicurezza e tale da, ragionevolmente, proteggere la casa, le persone che vi abitano e i beni custoditi con maggiori probabilità.

Sistemi antifurto casa con controllo remoto

Tra i numerosi sistemi di sicurezza attivi oggi si trovano anche i cosiddetti sistemi antifurto casa con controllo remoto: lo sviluppo della telefonia mobile aveva già reso possibile essere raggiunti da messaggi di allarme, tramite telefonate o sms sul proprio telefono, ulteriori a quelli inviati alle forze dell’ordine e/o agli istituti di vigilanza. Un modo comodo e pratico di tenere sotto controllo in ogni momento la propria casa quando ci si allontana per periodi brevi o lunghi di lavoro o vacanza.

Oggi il digitale e le funzioni mobile, principalmente le App che si possono installare sullo smartphone e che già permettono di controllare numerose funzioni di una casa smart o cablata come abbiamo spiegato in questo articolo, permettono anche di monitorare da remoto, in diretta e tramite video, la propria abitazione o ogni altro edificio.

Come funzionano gli antifurto per la casa tramite App

Gli antifurto per la casa tramite App, spesso venduti come antifurto domestico senza fili, funzionano sostanzialmente con una centralina e una serie di sensori, magnetici e video, dislocati negli ambienti della casa. La diffusione degli impianti wifi domestici, per collegarsi a Internet senza fili, ha ormai reso facile, veloce ed economica l’installazione di questi sistemi antifurto con controllo da remoto.

Normalmente si tratta di installare la centralina, anche senza eseguire costosi lavori di muratura, e i diversi sensori in tutti i locali della casa e sul perimetro dei punti di accesso come finestre, balconi, porte, serrande e garage. Una volta installata la centralina e i sensori magnetici e video questi, tramite l’impianto wifi di casa – che ovviamente deve avere una password di sicurezza, magari di doppio livello, per evitare hackeraggi – si collegano tra di loro, eventualmente alla centrale delle forze dell’ordine o a quelli dell’istituto di vigilanza e, soprattutto, all’App installata sul proprio smartphone.

È proprio tramite App che è possibile non solo ricevere eventuali notifiche ma soprattutto accedere all’impianto di videosorveglianza e controllare la propria casa anche quando ci si trova lontano.

Quanto costano i sistemi di antifurto casa con controllo remoto

I sistemi di antifurto casa con controllo remoto hanno prezzi variabili a seconda delle marche, della tipologia e qualità della centralina, e del numero di sensori. Mediamente un sistema allarme senza fili controllabile da smartphone di una marca nota, sicura e affidabile, può costare dai 1.000 ai 2.000 euro. Se ne trovano anche a prezzi inferiori, online e che prevedono il fai da te per l’installazione, così come a prezzi superiori spesso comprensivi di installazione, collaudo e assistenza.

La buona notizia è che, come abbiamo scritto qui, gli impianti di sicurezza, gli allarmi e i sistemi antifurto godono della detrazione al 50% ai fini Irpef in quanto considerati interventi di ristrutturazione.

Tags: , ,

Scritto da: