Categorie in evidenza
Caloriferi, termosifoni, radiatori in ghisa, acciaio o alluminio: quali sono meglio per casa


Scritto il 12 luglio 2018 - Da - In Guide alla ristrutturazione - Con 2797 Visualizzazioni

Caloriferi, termosifoni, radiatori in ghisa, acciaio o alluminio: quali sono meglio per casa

I caloriferi, termosifoni o radiatori ad acqua sono il più diffuso sistema di riscaldamento per la casa. Si tratta sostanzialmente dello stesso oggetto, benché ne esistano di diversi materiali come la ghisa, l’acciaio, l’alluminio o il più recente polipropilene, ciascuno con i propri vantaggi e svantaggi. Se il nome calorifero significa l’effetto che se ne ottiene, cioè di produzione di calore, quello di termosifone riguarda il fenomeno fisico che avviene al loro interno (all’interno di un sistema idraulico, per via della circolazione convettiva, i fluidi caldi tendono a salire e quelli freddi a scendere) e quello di radiatore quello che avviene all’esterno, cioè l’irradiamento di calore. Tuttavia il funzionamento è identico: l’acqua calda vi passa attraverso, o sfruttando la naturale tendenza dei liquidi a spostarsi per via della circolazione convettiva, oppure in modo forzato, con una pompa che spinge l’acqua calda dalla caldaia attraverso i tubi.

> Leggi anche: Come fare la manutenzione dei caloriferi

Ghisa, acciaio, alluminio: i diversi materiali per i caloriferi

Caloriferi, termosifoni e radiatori ad acqua possono essere molto diversi per forma ma soprattutto per il materiale utilizzato: i più antichi e tradizionali sono i caloriferi in ghisa mentre dalla metà del secolo scorso si sono diffusi quelli in acciaio e alluminio e, recentemente, anche quelli in polipropilene. Stabilire quali siano meglio per casa non è semplice perché dipende dalla tipologia di abitazione (dagli appartamenti in condominio alle case isolate), dalla certificazione energetica della casa e dai materiali più o meno isolanti utilizzati per la sua costruzione, e anche dal cubaggio degli ambienti, più ancora che dalla metratura. Tutte variabili non facili da considerare e che possono far decidere per un materiale piuttosto che un altro. Cerchiano di vedere pro e contro dei termosifoni in ghisa, acciaio e alluminio.

Caloriferi in ghisa: vantaggi e svantaggi

I caloriferi in ghisa sono quelli più antichi e tradizionali e presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. Tra i primi sicuramente c’è l’inerzia termica, il fatto cioè che la ghisa è un materiale che, una volta accumulato calore, continua a rilasciarlo con minima dispersione anche una volta che la caldaia si è spenta. Parimenti però impiegano più tempo a scaldarsi rispetto ad acciaio e alluminio e, ovviamente, sono molto pesanti e poco lavorabili, motivo per cui si trovano solo nella loro forma tradizionale a tubolari. Il prezzo di un termosifone in ghisa è normalmente della metà circa rispetto a un analogo calorifero in acciaio ma non è detto che il risparmio sul costo di acquisto e installazione non sia poi vanificato dal tipo di muri e infissi nonché da altri aspetti dell’abitazione.

> Leggi anche: Come risparmiare sul riscaldamento di casa

Caloriferi in acciaio: vantaggi e svantaggi

A parità di moduli e dimensioni, i caloriferi in acciaio sono sicuramente quelli più costosi, arrivando a costare anche il doppio rispetto a quelli in ghisa. Il vantaggio di questo materiale è senza dubbio la facile lavorabilità, motivo per cui è utilizzato in tutte le situazioni in cui il radiatore diventa anche elemento d’arredo. Al contrario della ghisa però l’acciaio ha poca inerzia termica, per cui si riscalda velocemente e si raffredda altrettanto velocemente non appena la caldaia si spegne. Anche in questo caso bisogna fare i conti con il tipo di abitazione e, per quanto possibile, con le abitudini di chi vi abita. Acciaio e alluminio infatti possono essere una soluzione per chi vive poco in casa e ha bisogno di scaldarla rapidamente al mattino, per il tempo necessario a prepararsi, e la sera quando si rientra dal lavoro.

> Leggi anche: La manutenzione annuale della caldaia non è obbligatoria

Caloriferi in alluminio: vantaggi e svantaggi

I caloriferi in alluminio sono senza dubbio la scelta più economica per l’impianto di riscaldamento domestico: hanno il vantaggio di essere leggeri come e più di quelli in acciaio, quindi facilmente trasportabili e installabili, e chiaramente non hanno l’inerzia termica della ghisa, motivo per cui si riscaldano rapidamente e si raffreddano altrettanto rapidamente.

> Leggi anche: Umidità in casa: rimedi e consigli

Tags: , , ,

Scritto da: