Categorie in evidenza
Come costruire aiuola fai da te


Scritto il 19 giugno 2020 - Da - In Giardini e terrazzi - Con 149 Visualizzazioni

Come costruire una bellissima aiuola in giardino fai da te

Una casa con giardino è un impegno a tempo pieno: tagliare, innaffiare, potare, rastrellare… Ma, alla fine, che soddisfazione quando osservi il risultato del tuo lavoro e ti prepari a godere al massimo di quello spazio all’aperto. In questa guida vogliamo parlare di un elemento che non può mancare in un giardino curato, ovvero le aiuole.

Un’aiuola ben progettata può valorizzare anche gli angoli meno sfruttati del nostro giardino, per esempio restituendo valore a una zona brulla o troppo ombreggiata. Puoi decidere di affidarne la realizzazione a un garden designer, ma il fai-da-te è una valida alternativa se vuoi risparmiare un po’ e preferisci contare solo sulle tue forze.

Ecco tutti i passaggi da seguire per costruire una stupenda aiuola in giardino senza fare troppa fatica.

idee aiuola

1. Fai una valutazione dell’area destinata all’aiuola

Non pensare che sia necessario partire con un’idea precisa in testa. Nel giardinaggio c’è una componente d’arte e, proprio come un’immagine sulla tela, il tuo progetto può evolversi pennellata su pennellata.

Il primo step per creare una nuova aiuola è valutare attentamente le caratteristiche dell’area che abbiamo individuato. In generale, i punti ideali per la costruzione sono quegli angoli del giardino che riusciamo a sfruttare di meno per la loro posizione o illuminazione.

La valutazione dello spazio a disposizione ci aiuterà a decidere che tipo di piante inserire all’interno dell’aiuola e quale forma le si addice di più. Lasciamo che sia lo spazio a parlare, assecondando le sue linee ed elementi naturali senza forzarlo.

aiuola idee

2. Rimuovi le piante che non servono più

Se nell’area individuata per la tua aiuola ci sono già altre piante, chiediti se possano essere adatte al nuovo progetto o se non sia il caso di rimuoverle. Se si tratta di piante di piccole o medie dimensioni, che pensi possano non funzionare nel nuovo arrangiamento, la strada migliore è rimuoverle dal terreno e trapiantarle in un’altra area del giardino.

3. Individua la forma dell’aiuola

Quando si tratta di forma, non ci sono risposte giuste o sbagliate: lasciati guidare dal tuo gusto e dagli elementi a disposizione. Se nello spazio individuato ci sono pietre utilizzate per precedenti bordure, toglile dal terreno e riarrangiale in una nuova forma o linea per delimitare la tua aiuola.

Per la bordura, ovvero il margine dell’aiuola, puoi utilizzare sassi, ciottoli, pietrisco da pavimentazione, pezzi di legno di recupero o tronchi, ma anche mattoni e strutture in cemento.

bordura

4. Prepara il terreno

Una volta tracciata la forma della tua aiuola, è il momento di preparare il terreno per la messa a dimora delle nuove piantine. Rastrella per rimuovere lo strato di terra più superficiale, livella l’area e ricoprila di terriccio per arricchire il suolo.

5. Scegli e disponi le tue piante

L’aiuola perfetta è una collezione di piante diverse che gioca con colori, varietà e altezze. Per questo, la corretta disposizione degli elementi è fondamentale per l’equilibrio finale.

L’ideale è lavorare per livelli di altezza, disponendo dietro le piante più alte e via via quelle più basse fino a toccare il bordo dell’aiuola. Evita di distribuire le piante tutte in fila come soldatini: disallinearle crea un effetto più armonico e naturale.

Per aiutarti, puoi disegnare con della sabbia sull’intera area una griglia di linee verticali e orizzontali a intervalli di circa 20 centimetri, in modo che le piante non siano troppo vicine le une alle altre.

Uno degli errori più comuni tra i principianti è prediligere piante vistose che fioriscono solo per un periodo limitato. Al contrario, la nostra aiuola dovrà essere bella tutto l’anno (o almeno dall’inizio della primavera alla fine dell’autunno), per questo sono richieste una varietà attentamente studiata e l’inserimento di piante perenni e/o sempreverdi.

disposizione piante

6. Metti a dimora le piante

Una volta individuato il corretto mix e disposizione di piante nell’aiuola, puoi passare a metterle a dimora. Usa una pala o una vanga per scavare una buca leggermente più grande della zona radicale di ciascuna pianta, poi posizionala e ricopri di terra.

Terminata l’operazione, puoi bagnare il terreno per compattarlo oppure attendere fino all’ora più adatta per innaffiare, nel primo mattino o tardo pomeriggio.

aiuola finita

Non sei soddisfatto del tuo risultato? Niente paura, puoi sempre modificare qualche elemento fino a trovare la quadra perfetta. L’importante è lavorare per livelli e gradi di complessità, senza intestardirti a sistemare tutto subito. Con tanta pazienza, creatività e pollice verde, il tuo giardino diventerà più bello ogni giorno.

Scritto da: